DIEGO VENTAJA MILAN e MANUEL MEDINA OLMOS

VESCOVI

e 7 fratelli delle
SCUOLE CRISTIANE:
Aurelio, Cecilio, Edmigio, Amalio, Valerio Bernardo,Teodomiro, Evencio

MARTIRI SPAGNOLI 1936

Beatificazione: 10 ottobre 1993

Festa:
30 agosto per i Vescovi
Ventaja e Medina
31 agosto per i Fratelli Edmigio, Amalio, Valerio Bernardo
8 settembre per i Fratelli
Teodomiro e Evencio
13 settembre per i Fratelli
Aurelio eCecilio

Durante i tragici eventi della guerra civile spagnola (1936-1939) le complicazioni che sorsero, a partire dal 1936, si ripercorsero anche sulla vita della Diocesi di Almeria, situata in una delle zone più povere della Spagna. Il gruppo dei martiri di Almeria e costituito dal Vescovo di Almeria, Diego Ventaja Milán,  dal Vescovo di Guadix-Baza, Manuel Medina Olmos e da sette Fratelli delle Scuole Cristiane: Aurelio María, José Cecilio, Edmigio, Amalio, Valerio Bernar do, Teodomiro Joaquin e Evencio Ricardo.


I VESCOVI VENTAJA E MEDINA

Il beato DIEGO VENTAJA MILÁN nacque, il 22 giugno 1880, ad Ohanes provincia e diocesi di Almeria, da Juan Ventaja e Palmira Milán. Al battesimo il successivo giorno 24, gli furono imposti i nomi Diego José Paulino. Completat brillantemente gli studi superiori al Sacro Monte in Granada, Diego fu destinato come borsista al Collegio S. Giuseppe di Roma per seguire i corsi di Filosofia, Teologia e Diritto all'Universiti Gregoriana. Ordinato sacerdote nel 1902, rientrò a Granada con tre dottorati e fu nominato cappellano del Sacro Monte e, anni dopo, Canonico della sua Chiesa Magistrale. Per trentatre anni condusse la vita ordinaria di Canonico e Professore del Collegio, offrendo nel contempo 1a sua collaborazione fattiva nelle Scuole dell'Ave Maria, fondate dal Servo di Dio Andres Manjón, sino ad esserne nominato Vice-Direttore.
Presidente del Capitolo del Sacro Monte, confessore di numerose comunità religiose, Professore di Teologia Morale e membro del Consiglio Accademico del Seminario Centrale di Granada, il 4 maggio 1935 Pio XI destinava Diego Ventaja Milán alla guida della diocesi di Almeria. Consacrato vescovo il 29 giugno 1935 faceva la sua entrata in Almeria il 16 luglio successivo. I quattro cento giorni del suo ministero episcopale vissuti con esemplare umiltà e fortezza terminarono con la via Crucis sul Calvario insieme al suo amico, il vescovo Manuel Medina Olmos.

Il beato MANUEL MEDINA OLMOS nacque il 9 agosto 1869 a Lanteira, provincia di Granada, da Juan Medina Garzón e Pilar Olmos Núñez. A tredici anni conseguì la maturità e a 17 anni il dottorato in Teologia. Seguirono poi dottorati in Diritto, Filosofia e Lettere. All'età di 22 anni fu ordinato sacerdote, subito dopo nominato parroco del Sacrario di Guadix e Prefetto degli Studi del Seminario. Alcuni mesi dopo divenne canonico del Sacro Monte di Granada ove fu collaboratore del Servo di Dio Andres Manjòn nella conduzione della Scuole dell'Ave Maria da questi fondate. Per ben 23 anni fu poi Rettore de Sacro Monte, che era allora Università Ufficiale di Stato. Delle sue pubblicazioni menzioniamo «La obra juridica del Padre Suirez », la « Historia de la Religiòn » e la raccolta di favole «Teatro infantil ». Preconizzato Ausiliare dell'Arcivescovo di Granada nel dicembre del 1925 e consacrato nella cattedrale della città il 23 maggio del 1926, organizzò nelle stesso anno il congresso Mariano, meritandosi il plauso dei partecipanti. Nominato vescovo di Guadix-Barca il 12 ottobre 1928, prese possesso della diocesi il 30 novembre successivo, e nel periodo in cui fu vacante la diocesi di Almeria vi operò quale Amministratore Aposto­lico, fino a quando, il 16 luglio 1935, vi entrò mons. Diego Ventaja Milán. Appena trascorso un mese dal suo ingresso nella Diocesi, iniziò le visite pa­storali, la catechesi e un immenso lavoro culturale e sociale, vivendo personal­mente in uno spirito di povertà e dedizione totale.

Mons. Diego Ventaja e mons. Manuel Medina Olmos, legati da profonda amicizia e stima vicendevole per lunghi anni, trascorsero di nuovo insieme gli ultimi giorni come negli anni del Sacro Monte. Furono condotti insieme al luogo dell'esecuzione e subito fucilati. Era la notte dal 29 al 30 agosto 1936.


I FRATELLI DELLE SCUOLE CRISTIANE

Il 21 luglio 1936, alle sette di sera, miliziani armati si presentarono al Collegio dei Fratelli delle Scuole Cristiane e ordinarono ai Fratelli che incon­trarono di seguirli per essere incarcerati. Furono:

Fratel AURELIO MARÍA (Bienvenido Villalón Acebrón)
Nacque a Zafra de Zincara, provincia e diocesi di Cuenca, il 22 marzo 1890. Entrò nel noviziato il 19 giugno 1906, ricevendo l'abito religioso e il suo nuovo nome il 22 agosto del medesimo anno. Emise i voti perpetui a Madrid, il 24 luglio 1918. Nel 1908, terminati gli studi, insegnò in diverse case, infine dal 1933, fu Direttore nel Collegio San José di Almeria.

Fratel Jost CECILIO (Bonifacio Rodríguez Gonzáles)
Nacque a Molina de Ubierna, provincia e diocesi di Burgos, il 14 maggio 1885. Il 21 ottobre 1901 entrò nel noviziato maggiore, ricevendo l'abito reli­gioso e il suo nuovo nome il 21 novembre successivo. Emise i voti perpetui a Gijón, il 4 agosto 1913. Terminati gli studi, insegnò in diverse case; infine, nel 1935, fu inviato al Collegio San José di Almeria.

Fratel EDMIGIO (Isidoro Primo Rodríguez)
Nacque ad Adalia, provincia di Valladolid e diocesi di Palencia, il 4 aprile 1881. Entrò nel noviziato il 3 agosto 1898, ricevendo l'abito religioso e il suo nuovo nome 1'8 ottobre dello stesso anno. Emise i voti perpetui 1'11 agosto 1911. Terminati gli studi, insegnò in diverse case; infine, nel 1933, fu trasferito al Collegio San José di Almeria.

Fratel AMALTO (Justo Zariquiegui Mendoza)
Nacque a Salinas de Oro, Navarra, diocesi di Pamplona, il 6 agosto 1886. Entrò nel noviziato il 4 agosto 1902, ricevendo l'abito religioso e il suo nuovo nome il 13 settembre dello stesso anno. Emise i voti perpetui, i14 agosto 1915, a San Fernando. Compì il suo ministero educativo in diverse case, infine, dal 1930, al Collegio San José di Almeria.

Fratel VALERIO BERNARDO (Marciano Herrero Martínez)
Nacque a Porquera de los Infantes, provincia e diocesi di Burgos, 1'11 luglio 1909. Entrò nel noviziato il 29 agosto 1925, ricevendo l'abito religioso e il suo nuovo nome il 1° febbraio 1926. Emise i voti perpetui, il 26 agosto 1934, a San Fernando. Terminati gli studi, esercitò l'apostolato in diverse case, infine, dal 1933, al Collegio San José di Almeria.

Fratel TEODOMIRO JOAQUÍN (Adrián Sáiz Sáiz)
Nacque a Puentedey, provincia e diocesi di Burgos, 1'8 settembre 1907. Entrò nel noviziato il 3 gennaio 1923, ricevendo l'abito religioso e il suo nuovo nome il 15 agosto dello stesso anno. Emise i voti perpetui, il 17 agosto 1932, a Bujedo. Terminati gli studi, esercitò il mistero educativo in diverse case, infine, dal 1933, al Collegio San José di Almeria.

Fratel EVENCIO RICARDO (Eusebio Alonso Uyarra)
Nacque a Viloria de Rioja, provincia di Burgos e diocesi di Calahorra y La Calzada, il 5 marzo 1907. Entrò nel noviziato il 29 agosto 1922, ricevendo l'abito religioso e il suo nuovo nome il 2 febbraio 1923. Emise i voti perpetui, il 17 agosto 1932, a Bujedo. Terminati gli studi, esercitò l'apostolato in diverse case, infine, dal 1934, al Collegio San José di Almeria.

Questi Fratelli delle Scuole Cristiane avevano offerto la loro vita a Dio con la consacrazione religiosa e l'avevano spesa educando i fanciulli e i giovani. Incarcerati il 22 luglio 1936, furono fucilati nella notte dal 30 al 31 agosto i Fratelli Edmigio, Amalio e Valerio Bernardo, la sera dell'8 settembre i Fratelli Teodomiro Joaquín ed Evenzio Ricardo, la notte dal 12 al 13 settembre i Fratelli Aurelio Maria e Jose Cecilio.
I corpi dei nove martiri furono immediatamente cosparsi di benzina. I loro resti calcificati furono inumati nella cappella S. Ildefonso nella Cattedrale di Almeria, Spagna.

Il 10 ottobre 1993, Diego Ventaja Milán, Manuel Medina Olmos e i Fratelli delle Scuole Cristiane — Aurelio María, José Cecilio, Edmigio, Amalio, Valerio Bernardo, Teodomiro Joaquín e Evenzio Ricardo — sono stati proclamati Beati da Papa Giovanni Paolo II.

Deutsche Flagge

 

   © Prof. Dr. Dr. P. Andreas Resch                          
vol 3