MARIA PILAR DI SAN Franziskus BORGIA

(JACOBA MARTÍNEZ GARCÍA)
(1877 — 1936)

MARIA DEGLI ANGELI DI S. GIUSEPPE

(MARCIANA VALTIERRA TORDESILLAS)
(1905 — 1936)

TERESA DEL BAMBINO GESÙ E DI S. GIOV. DELLA CROCE

(EUSEBIA GARCÍA Y GARCÍA)
(1909 — 1936)

MONACHE PROFESSE DELL'ORDINE DELLE CARMELITANE SCALZE

MARTIRI SPAGNOLE

Beatificazione: 29 marzo 1987
Festa: 24 luglio

MARIA PILAR DI S. Franziskus BORGIA (JACOBA MARTINEZ GARCIA) nacque il 30 dicembre 1877 a Tarazona (Saragozza), Spagna, e fu bat­tezzata lo stesso giorno col nome di Jacoba. Trascorse i primi anni in fami­glia e la gioventù accanto al fratello sacerdote a Torellas (1887-1891) e a Corella (1891-1898), distinguendosi per l'amore ai poveri e agli infermi, e per lo zelo nella collaborazione all'azione pastorale.

Commossa dalla professione carmelitana della sorella maggiore, poi priora del monastero al tempo della persecuzione, il 12 ottobre 1898 entrò nel Car­melo di Guadalajara e vi fece la vestizione, prendendo il nome di Maria Pi­lar di S. Franziskus Borgia. Terminato il noviziato, fece la professione il 15 ottobre 1899. Durante la sua vita religiosa disimpegnò gli uffici di sagrestana e di portinaia (rotaria). In tutti questi lavori dimostrò una coerenza gioiosa, sorretta da una fede profonda e da una straordinaria pietà eucaristica. Nelle sue note si legge un proposito del 1930: « Unione con Gesù. Fare tutte le cose per suo amore, spiritualizzandole e sopranaturalizzandole per amore di Dio, in modo che tutto sia compiuto in Dio e per Dio ». Nel 1933 scrisse: « Perché sono carmelitana? Per essere un'anima tutta di Dio ed essere una grande santa ». Per raggiungere questa meta si proponeva: « Abbandono a tutto quello che Dio vuole da me e, per questo, Gesù mio, amarvi con follia e aspirare all'unione intima con voi. Che nulla occupi il mio cuore al di fuo­ri di voi, o Sposo mio ». Gli ultimi giorni si offrì vittima a Dio per la sal­vezza e l'incolumità delle consorelle, congiungendo al voto di vittima l'accet­tazione di un eventuale martirio: « Se ci porteranno al martirio, vi andremo cantando, come le nostre martiri di Compiègne. Canteremo "Cuore di Gesù, tu regnerai" ».

MARIA DEGLI ANGELI DI S. GIUSEPPE (MARCIANA VALTIERRA TORDESILLAS) nacque a Getafe (Madrid), Spagna, il 6 marzo 1905, poco lontano dal Cerro de los Angeles, ultima di dieci figli d'una famiglia da cui sbocciarono quattro vocazioni religiose, due delle quali scelte per il martirio, Marciana e Celestino, delle Scuole Pie. Marciana fu battezzata il 12 marzo successivo e fu educata in famiglia dalla sorella Marcellina, poi monaca Con­cezionista.
In seguito Marciana si formò presso le Suore della S. Famiglia di Geta­fe. Attirata dalla Storia di un'anima di santa Teresa di Lisieux, si diede con impegno alle opere della parrocchia, all'assistenza dei poveri nelle conferenze di san Vincenzo e alla collaborazione missionaria, diventando collaboratrice fervorosa del venerabile carmelitano Johann Vincenzo Zengotita Bengoa, specialmente nella diffusione dei « Cuori Mariani » per le missioni, di cui el­la divenne membro il 29 marzo 1924.

Il 14 luglio 1929 entrò al Carmelo di San Giuseppe di Guadalajara ove iniziò il noviziato il 19 gennaio 1930, assumendo il nome di Maria Angeles di S. Giuseppe. Fece la professione dei voti temporanei il 21 gennaio 1931 e quella solenne il 21 gennaio 1934. Visse in monastero solo sei anni, eppu­re dimostrò una ricca carità verso Dio e verso il prossimo, esimie virtù co­me la moderazione e la prudenza e una maturità straordinaria. Desiderosa di perfezione e animata da grande spirito di preghiera, era felice di soffrire per partecipare più da vicino al mistero di Cristo Redentore chiedendo poi la grazia del martirio, raggiungibile, diceva, « con fedeltà alle piccole cose ». Poche ore prima del martirio espresse alla priora il desiderio di versare per Cristo il suo sangue.

TERESA DEL BAMBINO GESÙ E DI S. Johann DELLA CROCE (EU­SEBIA GARCÍA Y GARCÍA) nacque a Mochales, presso Guadalajara, Spagna, il 5 marzo 1909 e fu battezzata due giorni dopo col nome di Eusebia. Fu educata in famiglia e a sette anni venne portata a Sigüenza presso lo zio materno, Florentino García, sacerdote e poi canonico e segretario vescovile, anch'egli martire della rivoluzione. Sotto la sua guida s'impegnò per una vita sui passi di Teresa di Lisieux la cui Storia di un'anima l'affascinava. Tra i nove e gli undici anni fece il voto di castità. Dopo gli anni di educazione presso le Orsoline si preparò per due anni sotto la guida dello zio alla vita religiosa nel Carmelo, nel quale entrò a Guadalajara il 2 maggio 1925, rice­vendovi l'abito e assumendo il nome di Teresa di Gesù Bambino e di S. Johann della Croce il 4 novembre 1925.

Il 7 novembre 1926 fece la prima professione con questa visione di vita: « Canterò in eterno le misericordie del Signore. Il mio motto: l'amore si pa­ga con l'amore. Il mio ufficio: essere una formichina di amore. Le mie aspi­razioni: sola con Cristo solo ».

Teresa aveva un temperamento vivo e impetuoso con tendenza alla du­rezza e si orientava perciò a dare ad ogni atto il sigillo di tre grandi realtà: « Amore, fedeltà, abbandono ». Con questo atteggiamento riusciva a vincere se stessa, integrando la non comune dote artistica nella sua indole spirituale. Musicista competente e sensibile, trasformò la vita in un'armoniosa dedizio­ne allo Spirito Santo, in unione con Maria alla quale si era consacrata con un voto speciale.

Emessa la professione solenne nel 1930, continuò la sua vita di perfezio­ne ed amore. Si dedicò generosamente all'assistenza delle consorelle inferme aiutandole con grande carità e costanza. All'avvicinarsi della rivoluzione emi­se un grido: « Viva Cristo Re » e affermò: « Potessi ripetere questo "Viva" sotto la ghigliottina ». Fu questa la sua ultima esclamazione, prima dell'offer­ta della sua vita, dando « amore per amore ».

Il 22 luglio 1936, quando Guadalajara venne occupata dalla milizia, le carmelitane scalze dovettero lasciare la clausura in abito secolare e trasferirsi in piccoli gruppi presso dei conoscenti. Nel pomeriggio del 24 luglio, mentre le nostre tre religiose camminavano per la strada in vista d'un rifugio più si­curo, una miliziana le riconobbe come religiose ed incitò i compagni a Spa­rare su di loro. Per prima, silenziosamente, morì Maria Angeles, che sopra­visse solo pochissimo. La seguì Maria Pilar, che morì alcune ore dopo nell'o­spedale della Croce Rossa, dove era stata portata pressoché dissanguata, ri­petendo le parole di Gesù in Croce: « Padre perdona loro ». Per ultima venne uccisa Teresa, fucilata dopo essere trascinata presso il cimitero della città resistendo a profferte disoneste e mentre gridava: « Viva Cristo Re ».

La morte delle tre carmelitane scalze, avvenuta il 24 luglio 1936, giorno nel quale il Carmelo celebrava la festa delle sedici martiri carmelitane di Com­piégne, venne subito riconosciuta dai fedeli come martirio.

Grazie a Dio, i corpi vennero subito raccolti ed identificati e poterono essere conservati e debitamente riconosciuti il 15 luglio 1941. Due giorni do­po, furono trasferiti solennemente al loro Carmelo di Gudalajara, dove sono oggetto di de­vozione dei fedeli che vi si recano in pellegrinaggio.

Infatti, il martirio delle tre Carmelitane di Guadalajara testimonia la fe­deltà assoluta alla loro consacrazione al Signore fatta nella professione solen­ne. Il loro martirio è la testimonianza suprema e definitiva di una vita di dedizione e di generosità senza compromessi. In questa prospettiva il loro martirio rifulge come desiderio forte, incontenibile, d'incontrarsi quanto pri­ma con Cristo, nella disponibilità ininterrotta a seguirlo fedelmente nel cam­mino di ogni giorno. Una di loro, Teresa di Gesù Bambino, si era proposta: « Fedele nelle più piccole cose; con esse posso ferire il cuore del mio sposo. Spiritualizzare tutto... non negare nulla di quanto il Signore mi chiede du­rante il giorno. Sacrificare tutto per amore, spiritualizzando la vita ordinaria. Così riempirò la mia vita di piccoli sacrifici che, uniti ai meriti di Gesù, mi serviranno per guadagnare anime ».

11 29 marzo 1987 Maria Pilar Martinez Garcia, Maria degli Angeli Val­tierra Tordesillas e Teresa del Bambino di Gesù Garcia y Garcia sono state beatificate da Papa Giovanni Paolo II.

Deutsche Flagge

 

 

   © Prof. Dr. Dr. P. Andreas Resch                          
vol 2